IL QUADERNO DI Joaquín Torres

Joaquín Torres Vérez – A-cero Joaquín Torres arquitectura - Madrid/A Coruña/Valencia/Dubai

1 – Chi è Joaquín Torres?

In primo luogo sono una persona. E un architetto.

2 – Quando ha scoperto di voler diventare Architetto?

Sono sempre stato molto a contatto con il mondo dell’arte, grazie a mio padre, e mi affascinava. A 14 anni ho iniziato ad andare a lezione di disegno. E poco a poco mi sono interessato al mondo dell’Architettura.

3 – Un punto di riferimento nell’architettura…

Sempre i grandi classici contemporanei: Le Corbusier, Mies Van Der Rohe… E ammiro molto il lavoro di Zaha Hadid.

4 – Se non fosse architetto, si sarebbe dedicato a…

Sempre a qualcosa collegato all’arte.

5 – Un difetto e una virtù.

Un po’ ansioso e ossessivo nei confronti del lavoro. Ma forse queste sono anche delle virtù.

6 – Come è la sua casa?

Attualmente una casa unifamiliare che ho progettato io, anche se è promozionale, adattata ai miei gusti.

7 – La domenica è il giorno per…

È il giorno per cercare di riposare e stare con i miei.

8 – Un luogo dove cercare l’ispirazione.

Qualsiasi luogo, una città, un’esposizione, un film al cinema… Mi piacciono e mi ispirano molto varie cose.

9 – Qual è l’ultimo libro che ha letto?

Una diosa para el Rey di Mari Pau Domínguez.

10 – Tra 15 anni…

Spero di poter continuare a lavorare e a crescere a livello professionale con Rafael Llamazares e il nostro studio A-cero.

11 – Quando pensa all’architettura le viene in mente…

La mia quotidianità è l’Architettura.

12 – Matita o computer?

Matita.

13 – Come definirebbe il suo lavoro?

Coerente.

14 – Un progetto che le piacerebbe fare.

Ho smesso di pensare a queste cose, per me ogni progetto è entusiasmante.

15 – La sua opinione sull’architettura spagnola.

Ci sono splendidi professionisti nel nostro paese. Abbiamo commesso degli errori negli ultimi anni e dobbiamo reinventarci in qualche modo.

16 – Come mantenere uno stile proprio soddisfacendo le esigenze dei clienti?

In A-cero abbiamo uno stile molto nostro, che ovviamente si evolve. E questo è necessario. È vero che si deve avvicinare il cliente al tuo stile. Ma quando una persona pensa ad A-cero è perché conosce già il nostro lavoro e ciò semplifica da subito le cose. Ad ogni modo abbiamo imparato a cedere e a metterci più d’accordo con il cliente, visto che alla fine sarà lui a godersi e a vivere il nostro lavoro.

17 – In architettura, cosa le viene meglio e cosa le risulta più difficile?

Credo di avere una certa facilità nei rapporti con il cliente, anche se non sempre mi piace. La comunicazione, a cui dedico abbastanza tempo, è qualcosa che considero funzionale per la crescita dello studio. Il mondo del cantiere lo trovo quasi esasperante.

18 – La sua ricetta per il successo.

Lavorare, lavorare… e lavorare.

19 – Qual è il ruolo dei prodotti naturali nei suoi progetti?

Puntiamo sempre sui prodotti naturali. Per la qualità e durevolezza.

20 – Il suo prodotto preferito di L’Antic Colonial è…

Immagino che devo dire qualsiasi prodotto della collezione Spirit. Ma ammiro il gruppo Porcelanosa per aver puntato sul buon design.

Inviare un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Would you
like us
to inspire your
interior space?

 Professional Individual