IL QUADERNO DI Alberto Martínez

Alberto Martínez - CuldeSac Espacio Creativo - Valencia, Spagna

Seat Modular Cube Concept, Identity Clínica Dental, Urbatek Showroom, L’Antic Colonial showroom, Bimini…

 

1 – Chi è Alberto Martínez?

Alberto Martínez è padre di Alberto Martínez, figlio di Alberto Martínez e nipote di Alberto Martínez.
E come membro fondatore di CuldeSac™ e Direttore Creativo di Espacios, Alberto sviluppa una metodologia personale di ricerca nell’ambito dell’architettura e del design di interni, il cui obiettivo è creare progetti memorabili partendo da nuovi vettori esperenziali.

2 – Quando ha scoperto di volersi dedicare al design?

Non l’ho scoperto, l’ho cercato, ed eccoci qua.

3 – Un punto di riferimento nel design…

Dovrei cercarlo in Google… ma potrebbe essere Luis Montero, Ferrán Adrià o Anatxu Zabalbeascoa.

4 – Se non fosse designer si sarebbe dedicato a… 

L’architettura, stesso cane con diverso guinzaglio.

5 – Un difetto e una virtù.

Solo uno? Non so leggere.
E la virtù, la creatività al servizio della strategia.

6 – Com’è casa sua?

Familiare e vissuta.

7 – La domenica è il giorno per… 

La paella e la chiacchierata… un gran giorno!

8 – Un luogo dove cercare l’ispirazione.

Qualsiasi posto è valido, bisogna solo saperselo godere.

9 – Qual è l’ultimo libro che ha letto? 

Non leggo, guardo documentari; l’ultimo: Five days to dance, nominato ai premi del Festival del Cinema di San Sebastián per la regia di un amico d’infanzia, Rafa Molés.

10 – Tra 15 anni…

Mi piacerebbe rispondere di nuovo a questa stessa intervista e divertirmi a vedere le sette differenze.

11 – Quando pensa al design le viene in mente… 

Stile di vita, amici e libertà.

12 – Matita o computer?

Matita in legno d’ebano, edizione limitata dello 0,7, regalo dei miei colleghi di lavoro in occasione del 38º compleanno.

13 – Come definirebbe il suo lavoro? 

Lo definirei come un design esperienziale, che abbatte le barriere delle leggi della percezione e influenzato dalla cultura mediterranea, sempre con la massima di far diventare il lavoro uno stile di vita.

14 – Un progetto che le piacerebbe fare. 

L’interno di una barca, per imparare e migliorare i rapporti interpersonali in spazi ridotti e necessariamente funzionali.

15 – La sua opinione sul design spagnolo. 

Ingegnoso e fresco.

16 – Come si può mantenere uno stile proprio soddisfacendo le esigenze dei clienti?

Quando il cliente è l’ingrediente fondamentale per costruirlo.

17 – Nel suo lavoro, cosa le riesce meglio e cosa le risulta più faticoso? 

Plasmare le idee in un A3 è ciò che mi riesce meglio, e ciò che mi costa maggiormente è parlare di denaro, anche se con gli anni ti svegli sempre più.

18 – La sua ricetta per il successo. 

Ascoltare, condividere e non smettere di imparare.

19 – Qual è il ruolo dei prodotti naturali nei suoi progetti?

Non più di quello necessario in ogni momento, ma è indubbiamente un lusso lavorare con questi.

20 – Il suo prodotto preferito di L’Antic Colonial è… 

Mauricio Inglada, il resto viene da sé.

Inviare un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Would you
like us
to inspire your
interior space?

 Professional Individual